si brucia Brontolo

di , 19 Febbraio 2012 17:41

 

 Piove tanta neve per terra
si sta in casa
al camino
musica e la giusta compagnia.
Si chiacchera e si sonnecchia.

 

 

Il tempo passa senza interesse
lascia a metà, senza grandi dolori
la piccola che ha messo tutto il suo cocciame sulla mensola della libreria
ora scorrazza tra la cucina e la sala.
Si strofina alle mie ginocchia e solletica Wisky che dorme sul tappeto accanto al
camino.
Corre a lavarsi le mani ogni minuto, l’acqua che fascino?
- Amelia vieni si brucia Brontolo
così la testa di un pezzo di legno inizia a prendere le forma di un faccione
- ora bruciamo una farfalla?

 

 

 

Così uno alla volta i legni della cesta si colorano di tante fantasie.
Il fuoco li avvolge li schiocca e faville di energie salgono su per la cappa del camino
Due occhietti li seguono ammirati
Sa che vanno a cercare le favole più belle da non dimenticare….scarpette di cristallo?

                                                                                                                                                                                                       Una favilla

 

 

 

 

 

 

 

piove
guardo la pioggia
la nebbia stagna
le mie cose
le mie passioni
le mie dolcezze
il calore di piccole cose.
Vorrei un arcobaleno
da me a te
tanti colori
uno per gioia che mi hai dato e che ti ho dato
rido
immagino quel postino con tanti pacchi avanti indietro
in attesa,
pronto,
poi lo scalare e il discendere
rosso quando una goccia di dolore vola da me e a te
uno scatolone rosa,
uno arancio, turchese, verde, blù,
il più atteso,
giallo
energia del pensiero
rotola ora di qua ora di là
da quell’arco variopinto.
Il nostro arcobaleno mai incolore
 

 

svolazzano,beccuzzano,svolazzano

di , 3 Febbraio 2012 21:06

Neve 
dappertutto nelle siepi nei sotto tetti
ammucchiata alle facciate, lungo i muri, agli alberi
Neve
leggera, ghiacciata, spazzata dal vento
mulinata dall’andare veloce delle macchine
Neve
si sta in casa, si spia dalle finestre
si ride dei passi svelti dei pochi passanti
si segue l’andare dei gatti in viottoli
Neve
sorprende il sibilo del vento
il rotolare di lamiere non più fisse
il ridere di ragazzi
Neve
lo scoppiettare di legna nel camino
il calore che scalda le mani, brucia il viso
Nevica
uccelletti che cercano, che rubano gemme
si avvicinano sospettosi
alle stadere appese al portico piene di panico
        Nevica
fragili quei passerotti mai silenziosi
svolazzano, beccuzzano, svolazzano
scappano
svolazzano, beccuzzano, svolazzano
Nevica
Wisky attento predatore
instancabile immobile e presente,
caricato a molla pronto,
forse non farà mai il balzo
svolazzano, beccuzzano, svolazzano.
Nevica

Panorama Theme by Themocracy